Contatti
Categorie
Meteocolors
Meteocolors, stazioni metereologiche e webcam. Soluzioni per il volo, i golf e personalizzate
Search For Blogs, Submit Blogs, The Ultimate Blog Directory
BlogItalia.it - La directory italiana dei blog
Iscritto su Aggregatore.com
Aggregato su SocialBlog

Canonical propone un nuovo sistema di notifche. Ecco di cosa si tratta

notify osd screenshot Canonical propone un nuovo sistema di notifche. Ecco di cosa si tratta

L’attesa per il rilascio ufficiale Ubuntu 9.04, Jaunty Jackalope, sta crescendo. Questa versione apporterà, come sempre, parecchi miglioramenti. Uno degli aspetti più interessanti di questa release, è sicuramente l’introduzione del nuovo sistema di notifiche. L’intenzione della Canonical di focalizzare l’attenzione su questo aspetto, era stata espressa già lo scorso anno, come parte di un progetto volto al miglioramento dell’usabilità dei desktop Gnu/Linux. Poi, il 22 dicembre, è arrivato l’annuncio ufficiale e Mark Shuttleworth ha pubblicato, sul suo blog, un articolo di approfondito sul nuovo sistema di notifiche.

Il sistema di notifiche più diffuso (fino ad oggi), per sistemi Gnu/Linux è basato sulle specifiche di FreeDesktop.org (FDO). L’autore delle specifiche ha fornito un implementazione chiamata notification-daemon, che è inclusa in tutte le principali distribuzioni basate su GNOME. Le applicazioni possono interagire col demone grazie alla libreria libnotify. Anche se il notification-daemon è utilizzato da molte applicazioni GNOME e da componenti del desktop environment, la comunità GNOME si è sempre rifiutata di includerlo come dipendenza di base dell’ambiente, a causa delle sue limitazioni e di alcuni problemi di usabilità. Lo sviluppatore del demone, Christian Hammond, è impegnato in vari progetti e non ha molto tempo per lavorarci sopra. In ottobre, a seguito del rilascio di GNOME 2.24, la comunità GNOME, discutendo sui moduli da includere nella release successiva, è ritornata sull’argomento. Hammond ha chiesto più manodopera per applicare le patch e ha proposto di migrare il codice sorgente ai subversion repository di GNOME; e dopo circa un mese ha rilasciato una nuova versione di libnotify e notification-daemon, la prima dal 2007.

ubuntunotifications small 006 Canonical propone un nuovo sistema di notifche. Ecco di cosa si tratta

La Canonical ha compreso le carenze del panorama Gnu/Linux in questo settore e si è messa all’opera per sviluppare un nuovo sistema di notifiche.

“Penso che Canonical ed Ubuntu, possano aiutare maggiormente la causa del Free Software, concentrandosi sulle fratture tra i componenti principali del desktop” e spiega  “In altre parole, se esistono già ottime alternative alle singole applicazioni per il free software desktop (Evolution, OpenOffice, Firefox, NetworkManager), pensiamo che ci sia molto lavoro, utile e produttivo, da fare nel gap, che sta tra di loro”

Si tratta di un progetto molto innovativo, sia dal punto di vista pratico che concettuale. Il nuovo sistema è cross-desktop e sarà quindi scritto in GTK+ per GNOME e in Qt per KDE, cercando di condividere la maggior quantità di codice possibile. Non si tratta di un fork di notification-daemon, ma è compatibile e supporta la stesse D-Bus API. Questo vuol dire che libnotify può interagire col nuovo demone, e che quindi, molte applicazioni funzioneranno senza bisogno di alcuna modifica. Il nuovo sistema, migliora anche la qualità estetica delle notifiche, che assomigliano molto a quelle di Growl in Mac OS X. Ma le novità più eclatanti riguardano l’usabilità e di conseguenza il concetto di base delle notifiche. Secondo Shuttelworth infatti queste, possono essere semplificate eliminando completamente l’interazione dell’utente. Sono stati quindi esclusi tutti i bottoni di scelta ed anche quello della chiusura del messaggio, nell’intento di non distrarre l’utente dal proprio lavoro. Inoltre, le notifiche non si possono visualizzare simultaneamente, ma solo una per volta (le altre verranno accodate).

Naturalmente queste scelte non hanno soddisfatto tutti; in molti hanno criticato la decisione di eliminare completamente l’interazione dell’utente. Per poter sfruttare il nuovo sistema di notifiche, molte applicazioni dovranno essere modificate e saranno gli sviluppatori dei singoli progetti a doversi rimboccare le maniche. Poi c’è il problema del compositing window manager, necessario per gli effetti grafici delle notifiche. Non tutti gli utenti Gnu/Linux utilizzano Compiz o qualche altro compositing manager; e purtroppo, molti componenti hardware richiedono drivers proprietari.

Insomma, i contro ci sono, ma è naturale che un cambiamento così radicale porti con se anche alcuni aspetti negativi. Il progetto è molto interessante e all’avanguardia, perché ammoderna un aspetto del desktop Gnu/Linux, rimasto parecchio indietro, rispetto alla concorrenza proprietaria. E’ molto positivo anche il fatto che sia pensato per i principali Desktop Environment.

Questo è il video dimostrativo presente nell’articolo:

Per provarlo personalmente potete installare l’alpha di Ubuntu 9.04, rilasciata in questi giorni. Per la versione KDE bisogna attendere ancora un po’. Nei prossimi giorni parlerò di come testarlo su Ubuntu 8.10.

Articoli correlati:

GNOME DO 0.8, ecco le principali novità, come installarlo ed utilizzarlo come dock

Integrare Skype in Pidgin con lo Skype API Plugin

Rilasciato Ubuntu Intrepid Ibex, ecco le novità principali e come effettuare l’aggiornamento

Rilasciato Ubuntu Intrepid Ibex, ecco le novità principali e come effettuare l’aggiornamento

Dal GUADEC le prime indiscrezioni su GNOME 3.0

Condividi articolo:
  • services sprite Canonical propone un nuovo sistema di notifche. Ecco di cosa si tratta
  • services sprite Canonical propone un nuovo sistema di notifche. Ecco di cosa si tratta
  • services sprite Canonical propone un nuovo sistema di notifche. Ecco di cosa si tratta
  • services sprite Canonical propone un nuovo sistema di notifche. Ecco di cosa si tratta
  • services sprite Canonical propone un nuovo sistema di notifche. Ecco di cosa si tratta
  • services sprite Canonical propone un nuovo sistema di notifche. Ecco di cosa si tratta
  •  Canonical propone un nuovo sistema di notifche. Ecco di cosa si tratta
  •  Canonical propone un nuovo sistema di notifche. Ecco di cosa si tratta
  • services sprite Canonical propone un nuovo sistema di notifche. Ecco di cosa si tratta
  • services sprite Canonical propone un nuovo sistema di notifche. Ecco di cosa si tratta
  • services sprite Canonical propone un nuovo sistema di notifche. Ecco di cosa si tratta

3 Commenti a “Canonical propone un nuovo sistema di notifche. Ecco di cosa si tratta”

Lascia un Commento

Sottoscrizione via Mail

Enter your email address:

Delivered by FeedBurner

Seguimi su Twitter
Licenza
Creative Commons License
Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.