Contatti
Categorie
Meteocolors
Meteocolors, stazioni metereologiche e webcam. Soluzioni per il volo, i golf e personalizzate
Search For Blogs, Submit Blogs, The Ultimate Blog Directory
BlogItalia.it - La directory italiana dei blog
Iscritto su Aggregatore.com
Aggregato su SocialBlog

Articoli marcati con tag ‘Guida’

Global Menu Bar for GNOME, la barra condivisa del Mac sotto Linux

globalmenu Global Menu Bar for GNOME, la barra condivisa del Mac sotto Linux

Già nell’articolo su GNOME Do 0.8, avevo espresso la mia opinione sulla tendenza all’imitazione dei prodotti Mac. In realtà, credo che sia giustissimo mettere a disposizione degli utenti Gnu/Linux valide alternative ai prodotti Apple. Chiudendosi, infatti, si rischia di rimanere arretrati rispetto alla controparte commerciale. Penso solo che le alternative proposte debbano distinguersi dall’originale, non limitandosi ad una semplice copia. Detto ciò, a prescindere da dock, dashboard, e Quicksilver, Mac OS X presenta caratteristiche uniche ed interessanti. Una di queste è sicuramente il menù globale, che viene condiviso dalle applicazioni aperte durante la sessione. Si tratta di una funzione davvero particolare che stravolge l’interazione dell’utente con le applicazioni. Oggi, ho deciso di parlarvi di Global Menu Bar for GNOME, una piccola applicazione che permette di adottare lo stesso approccio sotto Linux (GNOME). Leggi il resto di questo articolo »

Droopy, un nuovo tool Open Source per condividere file

droopy browser small Droopy, un nuovo tool Open Source per condividere file

Spesso capita di dover ricevere file di grosse dimensioni da amici e colleghi. Esistono varie modalità per compiere questo tipo di operazione: possono inviarcelo tramite mail, ma i server mail impongono limiti di dimensione, possono mandarcelo durante una sessione di chat, con Pidgrin o uno dei tanti programmi di messaggistica istantanea, ma impiegheremmo molto tempo, oppure possono utilizzare servizi di file hosting come Rapidshare e Megaupload, ma anche qui, se non si possiede un account premium, esistono dei limiti di dimensione. Questi sono solo alcuni semplici esempi, in alternativa, potremmo settare un server FTP sul nostro PC. Se nessuno di questi metodi vi soddisfa appieno, potete utilizzare Droopy, un nuovo interessante strumento Open Source. In poche parole si tratta di un semplice script python che ci permette di creare un mini Web server, e quindi di ricevere il file del nostro ipotetico amico. Come dicevo è Open Source, rilasciato sotto licenza Python, e multi-piattaforma: Gnu/Linux, Mac, BSD e Windows. Ma vediamo come funziona. Leggi il resto di questo articolo »

NScripts 3.3.1, tanti script per estendere le funzionalità di Nautilus

Nautilus icon NScripts 3.3.1, tanti script per estendere le funzionalità di Nautilus

Uno dei pregi principali di Nautilus, il file manager di base di GNOME. è sicuramente l’estendibilità tramite script. Grazie agli script infatti, possiamo estendere le funzionalità di Nautilus all’infinito. Ne esistono centinaia, e non richiedono alcuna installazione, basta spostarli nella cartella:

~/.gnome2/nautilus-scripts/

e il gioco è fatto.
In questi giorni è uscita la nova versione di NScript, una delle tanti set di script in circolazione. NScript raccoglie una quindicina di interessanti script, suddivisi in tre categorie: Files, Root e Utils. Leggi il resto di questo articolo »

Sopcast, guardare tutti i principali eventi sportivi in streaming. Olimpiadi ed Europei 2008 compresi

lrg 385 olympic logo beijing 2008 Sopcast, guardare tutti i principali eventi sportivi in streaming. Olimpiadi ed Europei 2008 compresieuro2008 logo(1) Sopcast, guardare tutti i principali eventi sportivi in streaming. Olimpiadi ed Europei 2008 compresi

Qualche giorno fa Geekissimo ha pubblicato un articolo su come e dove guardare gli Europei di calcio 2008 in straming. Dei tre software presi in considerazione, solo uno, Sopcast, è disponibile anche per Linux. In realtà, anche TvAnts e TVU Player possono essere utilizzati tramite Wine, ma ovviamente i risultati sono inferiori. Sopcast, è un sistema di broadcast diretto basato su tecnologia P2P, SoP infatti sta per Streaming over P2P. Il fulcro del progetto è il protocollo di comunicazione appositamente sviluppato dal Sopcast Team, Sop://, anche conosciuto come sop technology. Sopcast è diventato famoso soprattutto perché permette di guardare gratuitamente praticamente qualsiasi tipo di Sport, dalla Serie A, all’NBA. Leggi il resto di questo articolo »

Registrare le chiamate di Skype con Scx Tool. Ecco come installarlo su Ubuntu

scx record Registrare le chiamate di Skype con Scx Tool. Ecco come installarlo su Ubuntu

Oggi voglio parlarvi di Scx Tools un set di utility per Skype che, grazie a Scx-recorder ci permette di registrare le nostre chiamate VoIP. Scx-recorder è molto comodo e semplice da usare, ma può dare alcuni problemi nella compilazione. Fortunatamente ho trovato questo messaggio sul micro-forum del progetto, che spiega come risolvere lo strano errore a qtextstream (error qtextstream.h must be included before any header…).

Installazione

Scaricare il programma da qui ed estrarre l’archivio

Le dipendenze sono:  Skype, le librerie Qt4 e Alsa sound system. Leggi il resto di questo articolo »

USB ADSL Modem Manager, installare facilmente i modem USB

usb logo USB ADSL Modem Manager, installare facilmente i modem USB

Ubuntu supporta alla perfezione praticamente tutti i modem ethernet, lo stesso purtroppo non si può dire per quelli USB. La maggior parte dei driver dei modem ADSL USB sono infatti proprietari e il processo d’installazione può risultare difficile, soprattutto per chi è alle prime armi. Ora però grazie a Steven Harper, un programmatore inglese, le cose stanno cambiando. Harper ha infatti sviluppato USB ADSL Modem Manager, un software che consente agli utenti Ubuntu (e derivati) di accedere facilmente alla rete con i modem ADSL USB. Leggi il resto di questo articolo »

Songbird 0.5 il passero spicca il volo

hikari Songbird 0.5 il passero spicca il volo

La settimana scorsa è stata rilasciata la versione finale di Songbird 0.5. Questa versione include molte interessanti novità: più estensioni, nuove funzioni e tanti bug-fixes. Per chi ancora non lo conoscesse, Songbird è un desktop media player, pensato per ascoltare i brani presenti nelle nostre collezioni, nei nostri dispositivi portatili e nelle pagine web. Basato sulla piattaforma XULRunner di Mozilla, come Firefox è: multi-piattaforma, Open source ed estendibile. Songbird dispone infatti di una serie di plugin aggiuntivi che permettono ampliarne le funzionalità. Se siete interessati ad installarlo potete seguire questa guida. Esiste anche un pacchetto .deb su Getdeb, ma è di Songbird 0.4 ed è abbastanza instabile.

Articoli correlati:

Songbird: ecco come installarlo in Ubuntu


Flock 1.1.1 finalmente anche in italiano. Ecco come installarlo e come importare i plugin di Firefox

flock logo Flock 1.1.1 finalmente anche in italiano. Ecco come installarlo e come importare i plugin di Firefox

Un po’ di tempo fa avevo scritto un articolo sull’uscita della nuova versione di Flock, un interessante web browser, appositamente pensato per il Web 2.0. Ora, a un mese circa dal rilascio di Flock 1.1.1, è finalmente uscita la versione italiana. Visto che, nel post precedente, ho già parlato delle principali caratteristiche del programma, passerò subito all’argomento di oggi e cioè l’installazione e la configurazione di Flock. Se avete una versione precedente di Flock installata, dovete innanzitutto rimuoverla. Potete seguire di la procedura di rimozione riportata in fondo all’articolo, solitamente si installa in /opt, se avete scelto un altra cartella, sostituite /opt con la directory d’installazione. Leggi il resto di questo articolo »

Songbird: ecco come installarlo in Ubuntu

powered by mozilla Songbird: ecco come installarlo in Ubuntu

Songbird, è un interessantissimo player musicale Open source. È ancora in fase di sviluppo, ma è comunque già utilizzabile in tutte le sue funzioni. L’interfaccia grafica è molto simile a quella di iTunes, a cui si oppone come alternativa Open source. Songbird, combina le funzioni del joukebox con quelle del web browser, permettendoci di ascoltare sia i contenuti multimediali dei siti, che la nostra collezione di brani. Le sue caratteristiche principali sono: la compatibilità con Windows 2000/XP, Mac OS X, e Linux, la capacità di riprodurre diversi formati audio, come MP3, AAC, Ogg Vorbis, FLAC e WMA, la possibilità di utilizzare skin, il fatto che i file multimediali presenti nelle pagine visualizzate dal browser integrato diventino riproducibili in Songbird, RSS integrato e download di file MP3, la possibilità di utilizzare blog mp3 come playlist, preferiti personalizzabili, la disponibilità di estensioni, proprio come in Mozilla Firefox, la possibilità di creare dei mix personalizzabili, la possibilità di eseguire una ricerca nel computer dell’utente per localizzare tutti i file audio, al fine di aggiungerli alla libreria locale, la presenza di un’interfaccia grafica facilmente configurabile e della modalità “miniplayer”, scorciatoie da tastiera e supporto per i tasti speciali ed aggiornamenti automatici. Insomma, Songbird è un prodotto veramente interessante. Ma ora passiamo all’installazione su Ubuntu. In realtà una guida non servirebbe, perché è una procedura veramente semplice.

1 Scarichiamo il programma dal sito ufficiale, e scompattiamolo nella directory che preferiamo.

2 Scarichiamo l’icona da abbinare al programma, scegliendola tra quelle a disposizione in questa pagina.

3 Creiamo un entrata nel menù principale, cliccando col destro su applicazioni e selezionando modifica menù.

4 Entriamo nella sezione Audio e Video e clicchiamo su nuova voce.

5 Ora nella casella del nome mettiamo Songbird, in quella del comando clicchiamo su esplora, entriamo nella cartella dell’installazione e selezioniamo il file Songbird e nel commento mettiamo una breve descrizione del software. Pio clicchiamo sul riquadro a sinistra con la molla del lanciatore e, sfogliando, andiamo a cercare la cartella dove è salvata l’icona che abbiamo scaricato, la apriamo e selezioniamo l’immagine.

6 Adesso il programma è installato e reperibile dal menù principale. Lo apriamo e settiamo le impostazioni iniziali, come la lingua e la directry dove teniamo la nostra collezione musicali, e il gioco è fatto.

Insomma, ecco che, in pochi e semplici passi, possiamo cominciare ad usufruire di quest’ottimo media player, che può benissimo sostituire o affiancare altri programmi Open source come Listen.

songbird 01 Songbird: ecco come installarlo in Ubuntu

Chmod, guida rapida a uno dei principali comandi Linux

Oggi voglio parlarvi di chmod, change mode, che come si può intuire dal nome, ci permette di cambiare i permessi (modalità) di file e cartelle. Chmod è uno dei comandi basilari dei sistemi Linux, tanto da essere già prsente nella prima versione Unix di AT&T. Insomma, è fondamentale che tutti gli utenti Linux lo sappiano usare. A differenza dei comandi che ho presentato fin ora, chmod è un pelino meno intuitivo, ma vedrete che, una volta imparato il meccanismo, usarlo sarà veramente un gioco da ragazzi. Eccone le basi:
I permessi sono:

r – lettura
w – scrittura
x – esecuzione

I tre permessi vanno applicati a seconda di chi utilizza il file e cioè:

u – proprietario
g – utenti del gruppo
o – tutti gli altri utenti
title Chmod, guida rapida a uno dei principali comandi LinuxLockFolder Chmod, guida rapida a uno dei principali comandi Linux

Leggi il resto di questo articolo »

Sottoscrizione via Mail

Enter your email address:

Delivered by FeedBurner

Seguimi su Twitter
Licenza
Creative Commons License
Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.